Saltear al contenido principal

    Dirección
    Calle Don Carlos N°2986
    Oficina 1 – El Golf
    Las Condes – Santiago
    Chile

    Teléfono
    C: +569-986-372688
    T: +562-27850561

    Email
    info@bibliofilos.cl

    bibliofiloschilenos@gmail.com Auspiciado por Booklife

    Norma Alcaman Riffo
    Master in Lettere

    Sin da bambino Napoleone Bonaparte fu un lettore accanito. Il suo primo incontro con i libri avvenne nella biblioteca del padre, Carlo Maria Bonaparte, biblioteca che contava circa 1.500 volumi, tra cui i classici della cultura occidentale in storia, letteratura, filosofia, scienza. In questo modo, si nota che il suo amore per i libri è nato presto, nella casa paterna. Come dirà anni dopo: «Mostrami una famiglia di lettori e ti mostrerò le persone che muovono il mondo». Napoleone iniziò i suoi studi formali ad Ajaccio, capoluogo dell’isola francese della Corsica, dove era nato nel 1769. I suoi primi anni di studio furono presso la scuola di Ajaccio, ma molto presto, quando aveva 9 anni, suo padre gli procurò un borsa di studio per studiare nella Francia continentale. Dopo aver studiato per un anno al Collège d’Autun, nel 1779 entrò nel collegio militare di Brienne. Successivamente, fu accettato all’École Militaire di Parigi, dove scelse di essere assegnato all’arma di Artiglieria. Fu durante questo periodo che il suo desiderio di imparare ed educarsi attraverso la lettura attirò l’attenzione dei suoi insegnanti. Dopo aver completato i suoi studi, fu nominato sottotenente e inviato al reggimento La Fère. Inoltre, è stato a Valence e Auxonne.

     

    «A Valence, in arresto forzato, ha approfittato dello studio del Digesto e del rafforzamento della sua conoscenza del diritto». Illustrazione di JOB in «Le Grand Napoléon des Petits enfants», di J. de Marthold.
    “La statua di Bonaparte», di Jean-Paul Ravit, inaugurata a Valence nel 2010. Rappresenta la lettura di Napoleone, con la carica di 2° Luogotenente del Reggimento La Fère, durante il suo soggiorno in città.

    Per quanto riguarda la storia, tra i suoi autori preferiti troviamo lo storico e militare ateniese Tucidide, dal quale lesse con grande interesse la Storia della guerra del Peloponneso, che racconta lo scontro tra Sparta e Atene nel V secolo a.C. Così anche, Vite dei dodici Cesari di Svetonio; Dalla fondazione della città di Tito Livio, che racconta la storia dell’antica Roma e il De Bello Gallico, di Giulio Cesare, da lui profondamente ammirato per le sue azioni.

    In letteratura lesse con piacere il poeta romano Virgilio, autore dell’Eneide, del Bucolico e del Georgiano. Ammiratore del Don Chisciotte di Cervantes, era un instancabile lettore di romanzi, che ordinava durante lunghe campagne, come quella di Prussia nel 1806. Ogni giorno gli giungevano per posta due o tre libri, ma quando era sotto pressione, chiedeva la sospensione dell’invio dei romanzi, che a quel momento vedeva come elementi di distrazione dai suoi impegni bellici.

    Napoleone era anche un grande ammiratore di Voltaire e degli enciclopedisti Diderot, D’Alambert e Montesquieu, il cui Lo spirito delle leggi ebbe una grande influenza sulle sue idee, così come Il contratto sociale di Rousseau.

    Da quanto sopra, è logico chiedersi: possiamo considerare Napoleone un bibliofilo? Vediamo: questo termine è composto da due parti: biblio (di origine greca, è un prefisso che fa parte dell’insieme di sostantivi e aggettivi riferiti al concetto di «libro») e phylo (anch’esso di origine greca, legato al concetto di amico), in modo che possa essere inteso in due sensi:

    a.- come appassionato di libri e di tutto ciò che esso implica (lettura, conoscenza, educazione, cultura) e

    b.- come un collezionista, cioè una persona che acquista per sé libri che considera di un certo valore e ne fa tesoro per tutta la vita.

    Nel caso di Napoleone possiamo affermare che si trattò di un bibliofilo, non tanto nel senso di collezionista di libri di un determinato autore o soggetto, quanto piuttosto in quanto è stato un grande lettore che poteva leggere fino a tre opere in un giorno, una persona che aveva diverse biblioteche specializzate nelle sue materie di interesse, che aveva bibliotecari che lavoravano esclusivamente al suo servizio, che sapeva apprezzare nei libri il valore che hanno nel trasmettere ogni genere di sapere. Lo accompagnarono per lunghe ore e gli trasmisero sia un alto livello di istruzione che una vasta cultura.

     

    Frontespizio del libro Napoléon Bibliophile. Recherches spéciales de psychologie napoléonienne, avec documents inédits, di Gustave Mouravit. Forgotten Books, Paris, France, 1905.

    «Avere libri, pur avendo una biblioteca organizzata, tutti a portata di mano, in ogni momento, per far fronte a bisogni e imprevisti, secondo l’organizzazione formata e perennemente rinnovata dall’attività della sua intelligenza universale (…), questo era per Napoleone, fin dall’inizio, sempre, ovunque, anche nel corso della sua carriera militare, una preoccupazione costante, forse l’unica abitudine di cui soffriva la tirannia” (Gustave Mouravit).

     

    Copertina del libro Napoléon Bibliophile. Recherches spéciales de psychologie napoléonienne, avec documents inédits, di Gustave Mouravit. Forgotten Books, 2018, 152 páginas. Forgotten Books è una casa editrice londinese specializzata nel recupero di libri antichi rilevanti, sia di narrativa che di saggistica.

     

    Copertina del libro Napoléon et les Bibliothèques. Livres et pouvoir sous le Premier Empire, de Charles-Éloi Vial.

     

    “Napoléon Bonaparte lisant”. Dessin d’Édouard Detaille publié dans l’edition 1902 de Napoléon intime par Arthur Lévy.

    Di seguito, seguiremo un percorso cronologico che ci porterà attraverso le fasi principali della sua vita militare e vedremo come, in ognuna di esse, siano presenti i libri.

    La campagna dell’Egitto

    Qui troviamo la tua prima “libreria portatile”. Quando partì per l’Egitto, guidò soldati, reggimenti e battaglioni. Al centro, le principali risorse della spedizione avanzate protette: asini (che hanno coinvolto forza lavoro) e scienziati (che hanno coinvolto il potere della conoscenza). In questo modo, è evidente che la campagna in Egitto non fu solo militare, ma anche scientifica. Va notato che la biblioteca portatile lo aveva già accompagnato durante la campagna in Italia (1796-1797), ma in Egitto (1798), presentava una struttura, una selezione e un ordine tematico più raffinati. In questa campagna, Napoleone studiava la Bibbia durante i lunghi spostamenti.

     

    “Bonaparte davanti alla Sfinge», dipinto di Jean-Léon Gérôme, 1868. Contemplando quell’immensità, disse: «Il deserto è un oceano immobile”

    Il primo bibliotecario di Napoleone

    Nell’ufficio di Napoleone alle Tuileries durante il periodo del Primo Impero francese (1804-1814), la cosa più importante era la biblioteca, per questo aveva scaffali con una capacità di 10.000 libri, senza contare che c’erano anche molti altri libri nelle dipendenze della residenza imperiale. Per questo Napoleone aveva un Bibliotecario personale: l’abate Denina, torinese, che in precedenza era stato Bibliotecario dell’imperatore Federico II di Prussia, per il quale Napoleone nutriva grande ammirazione. Tuttavia, la posizione era solo onoraria, in quanto l’abate non la esercitava. Al suo posto lavorò fino al 1807 Louis Madeleine Ripaut, che -durante la campagna d’Egitto del 1798 -accompagnò Napoleone. In precedenza, aveva scrupolosamente organizzato la Portable Library. Inoltre, aveva lavorato nelle Tuileries, nel castello di Malmaison e in altri palazzi imperiali.

     

    Louis Madeleine Ripaut, Bibliotecario di Napoleone.

     

    Ritratto di Luigi XVIII di Francia nel suo gabinetto a Les Tuilleries, precedentemente appartenuto a Napoleone.

    Nei diversi palazzi e castelli in cui Napoleone ha vissuto, il suo ufficio di lavoro includeva sempre una biblioteca e tale spazio era arredato con cura, con uno stile bello, elegante e funzionale. Per questo possiamo citare le biblioteche del Château Malmaison, del Trianon, delle Tuileries, di Saint-Cloud, della Compiègne, del castello di Rambouillet e di quello di Laeken, oggi residenza ufficiale della monarchia belga. Ogni residenza comprendeva più di 30mila volumi, per «arricchire la conoscenza», come soleva dire l’imperatore.

     

    Ufficio di Napoleone nel el Château de Malmaison

     

    Palais des Tuileries

     

    Napoléon dans son cabinet de travail (et bibliothèque) avec un enfant (son fils ¿). Illustration anonyme publiée en 1921 par Raymond Guyot

    Qui possiamo vedere il «Ritratto di Napoleone nel suo gabinetto di lavoro» («Napoleon dans son bureau»), dove ci sono diversi libri, carte arrotolate, piani. I vestiti spiegazzati e i capelli disordinati, oltre alle candele quasi esaurite e l’ora sull’orologio (4:13), sono indicazioni che ha trascorso tutta la notte al lavoro. Forse scrivendo le leggi del Codice Napoleonico, dal momento che la parola «Codice» spicca tra le carte e i documenti sulla scrivania. Va notato che questo corpo giuridico è una delle fonti del Codice Civile cileno.

     

    “Napoleon dans son bureau”, de Jacques-Louis David, 1812.

    La sua biblioteca preferita, e quella di cui dedicò più cura e impegno per dotarla dei testi migliori, era quella di Fontainebleau, che oggi non esiste più. Comunque, la maggior parte del suo prezioso contenuto è oggi nella galleria di Diana, commissionata da Napoleone III.

     

    Biblioteca del Château de Fontainebleau.

    A Fontainebleau Napoleone fu un assiduo lettore della biblioteca di Luigi XVI. È stato anche riportato che, per ottimizzare il tempo durante il bagno, aveva ordinato di installare nella vasca una mensola in metallo per ospitare il libro e poter godere della lettura senza bagnarlo.

    Prima di partire per l’Egitto, Napoleone ordinò al suo bibliotecario (che in seguito fu nominato membro dell’Istituto Egizio) di organizzare una biblioteca da portare al seguito lungo il percorso. Doveva essere per suo uso personale e, in seguito, per l’Istituto d’Egitto, che si sarebbe occupato dello studio e dello sviluppo del territorio delle nuove conquiste. I testi trattavano questioni strumentali alla sua strategia militare, come la topografia del luogo che intendeva invadere, e, se guardiamo ai contenuti principali della biblioteca, troviamo: dizionari generali, libri di lingua, geografia, storia naturale, matematica, astronomia, medicina, chirurgia, fisica, chimica, architettura, memorie storiche, poesia e arte. Quello nella foto fu il primo nucleo della sua biblioteca.

     

    Una delle scatole della biblioteca portatile di Napoleone.

     

    Copertina del libro Napoléon et ses bibliothèques portatives (Éd.1843), di Louis-Nicolas Barbier.

    Se volete sapere di più su tali biblioteche portatili vi consiglio di leggere Charles-Éloi Vial: “Les libre à la guerre: les bibliothèques portatives de Napoléon I°”:

    https://www.academia.edu/2384005/_Les_livres_%C3%A0_la_guerre_les_biblioth%C3%A8ques_particuli%C3%A8res_de_Napol%C3%A9on_Ier_

    Napoleone teneva in grande considerazione il significato del libro. Ciò lo portò a farne dono a varie personalità dell’epoca. Si trattava, ovviamente, di edizioni molto curate e lussuosamente rilegate. Per sé stesso, li considerava uno strumento di lavoro, di consultazione e di conoscenza. Per questo li preferiva nel formato 12o, per lui più comodo e duttile. Come sappiamo, i libri venivano stampati su grandi fogli di carta che venivano poi piegati nei libretti che componevano il libro. A seconda delle dimensioni delle pagine, il foglio veniva piegato in quattro, otto, dodici, e da qui questa indicazione del formato. Un formato «12o» diventerebbe quello che oggi è un libro tascabile. Inoltre, senza margini, per evitare sprechi di spazio. Quando viaggiava in carrozza, se il libro che stava leggendo non sembrava abbastanza interessante, non esitava a gettarlo dalla finestra, tanto che a volte gli ufficiali che lo seguivano a cavallo li prendevano per loro.


    Nel 1809 fu pubblicato il primo volume di Description de l‘Égypte (il titolo completo era “Description de l‘Égypte ou recueil des observations et des recherches qui ont été faites en Ègypte pendant l’exppédition de l’Armée Francaise”) , che faceva parte di una raccolta che fu pubblicata tra il 1809 e 1829, che fu il risultato dell’arduo lavoro di ricerca di circa 160 scienziati che viaggiarono con Napoleone durante la Campagna d’Egitto nel 1798. Inoltre, c’erano 400 artisti (di cui 200 disegnatori e incisori) e tecnici, i quali hanno partecipato a questa imponente opera.

     

     

     Frontespizio del primo volume del libro Description de l’Égypte, 1809.

     

    Foto: Sotheby’s. Prima edizione completa, composta da 23 volumi..

    La Battaglia di Marengo

    Lo scontro ebbe luogo in prossimità di Alessandria, in Piemonte, e si è rivelato una vittoria a tutti gli effetti. Nel giugno 1800 Napoleone rischiava di perdere a Marengo, ma grazie all’intervento del Generale Desaix, suo amico, la battaglia si risolse a suo favore.

    A partire dal 1801 Napoleone iniziò a seguire con attenzione la stampa internazionale, per essere al corrente di ciò che accadeva negli altri paesi e per sapere quale immagine trasmettessero di lui e della Francia.

    Nel 1805 fu pubblicato il libro Relation de la Bataille de Marengo par Napoleon Bonaparte, il cui autore era Louis Alexandre Berthier, capo di stato maggiore dell’esercito francese. Questo libro divenne un mezzo per glorificare l’impresa napoleonica.

    Foto: WH01831D. Resoconto della battaglia presentata all’imperatore sul campo di battaglia il 14 giugno 1805. Litografia di Carle Vernet. Immagine: : White Images / Scala, Firenze.

    Il secondo bibliotecario di Napoleone.

    Fu Antoine Alexandre Barbier, che lavorò dal 1807 al 1813. Pubblicò diversi libri e in seguito partecipò alla fondazione, tra le altre, delle Biblioteche del Museo del Louvre e del Castello di Fontainebleau. In seguito, sotto il regno di Luigi XVIII, ricoprirà la carica di amministratore delle biblioteche private del sovrano.

     

    Antoine Alexandre Barbier, Bibliotecario di Napoleone.

    Napoleone continuò a viaggiare con la sua biblioteca portatile. Le scatole che contenevano i libri erano di acacia, il cui legno si caratterizza per la sua durezza. Qui si può vedere come Napoleone abbia prestato attenzione al più piccolo dettaglio in ogni cosa, poiché è simbolico che la croce di Cristo fosse stata costruita proprio con questo legno. Queste scatole avevano maniglie che ne facilitavano il trasporto. I libri erano protetti e consultabili da Napoleone quando lavorava.

    La campagna in Russia

    Napoleone sceglieva i libri che lo avrebbero accompagnato a seconda della campagna o del bisogno che aveva in quel momento. Quando partì per la Russia nel 1812, oltre al soggetto topografico, chiese libri sulla storia militare russa, sulla letteratura russa e sulla geografia della regione. Inoltre, ha recato con sé libri di autori classici, come Cicerone, Plutarco o relativi all’arte militare nei tempi antichi. I libri che ordinò al suo Bibliotecario Barbier, ma che questi che non riuscì a procurargli, furono presi in prestito da diverse biblioteche.

    La Battaglia delle Nazioni e la Battaglia di Parigi

    Nel 1813, Napoleone è in ritirata dopo il fallito tentativo di invadere la Russia. Gli eserciti della Coalizione furono raggruppati e riuscirono a sconfiggere i francesi nella battaglia di Lipsia, che fu probabilmente il maggiore scontro armato delle guerre napoleoniche. Poi, nel 1814, ebbe luogo la battaglia di Parigi tra la Sesta coalizione (Russia, Austria e Prussia) e l’Impero francese. Napoleone subì una forte sconfitta e, dopo una serie di eventi, firmò l’abdicazione al castello di Fontainebleau e andò in esilio.

    Bataglia di Waterloo

    Ha avuto luogo nel 1815 contro la Prussia e la Gran Bretagna. Fu l’ultima battaglia di Napoleone. In questa occasione Napoleone perse un gran numero di libri, che caddero nelle mani dei prussiani.

    Come spesso accade ai grandi lettori, Napoleone aveva una memoria straordinaria. Si dice addirittura che potesse dettare fino a 14 lettere contemporaneamente. Per fare questo, metteva 14 scrivani in fila indiana e cominciava a dettare 14 lettere diverse, paragrafo per paragrafo, al primo, poi al secondo, e così via. Quando aveva terminato di dettare l’ultima, tornava alla prima e, senza chiedere dove fosse rimasto, continuava tranquillamente a dettare la lettera.

     

    Bataglia di Waterloo, di William Sadler.

    Esilio all’Isola d’Elba

    Prima di partire per l’isola d’Elba, Napoleone trascorse 9 giorni a Fontainebleau con Barbier, il suo bibliotecario, selezionando i 691 libri che intendeva portare con sé. Dopo Waterloo chiese allo stesso bibliotecario di inviare 588 libri dalla biblioteca Trianon, oltre a commissionargli di acquistare libri per lui negli Stati Uniti, dove sperava di potersi trasferire.

    Successivamente Napoleone commissionò a Fontainebleau 2.378 volumi, il cui inventario è conservato presso la Biblioteca Nazionale di Parigi. Anche in esilio, non rinunciò al piacere di avere «une bonne bibliothèque», poiché nutriva un grande interesse a conoscere l’essere umano, il mondo che lo circonda e la cultura.

    Quali erano gli argomenti di tali libri? I più svariati: storia antica, cultura greco-latina, storia moderna della Francia, storia della Corsica (sua isola natale). Dalla letteratura, principalmente i classici greci, come Esiodo e Omero. Anche autori latini, come Virgilio e Ovidio. Inoltre, il lavoro di Voltaire. Gli piaceva anche il teatro, sia il genere della commedia (Molière, Regnard e Dancourt), che la tragedia (Racine). Infine, fugge dall’isola e torna in Francia. Quindi, si rifornisce di libri sull’America perché spera di essere esiliato e inviato in America. Ma, sfortunatamente per lui, gli inglesi lo mandarono a Santa Elena, una roccia battuta da venti tempestosi e forti piogge.

    Durante il suo soggiorno all’isola d’Elba, Napoleone scrisse un breve romanzo, Clisson el Eugénie, il cui protagonista era un eroico soldato francese. Va notato che Napoléon ha molti collezionisti bibliofili, quindi quest’opera è stata battuta all’asta per 250.000 US $ (duecentocinquantamila dollari) nel 2016. Per maggiori informazioni:
    https://www.lecturalia.com/blog/2016/09/09/la-novela-escrita-por-napoleon-bonaparte-sale-a-subasta/

     

    Copertina del romanzo “Clisson et Eugénie”, scritto da Napoleone. Versióone francesa publicata da Fayard nel 2007, 126 pagine.

    Logo ufficiale dell’isola d’Elba per commemorare i 200 anni di Napoleone.

     

    Per saperne di più: http://revista.reicaz.es/n-019/napoleon/

    L’isola di Sant’Elena

    Questa isola remota e inaccessibile sarà l’ultima residenza di Napoleone, dove visse dal 1815 al 1821.

    Napoléon: Écrits clandestins de Sainte-Héléne. Textes présentés et annotés par Pierre Branda. Edit. Perrin, 2021

     

    Copertia del libro “La bibliotèque de Napoléon à Sainte-Hélène”, di Víctor Advielle.

     

    Copertina del libro “La dernière passion de Napoléon. La bibliothèque de Sante-Hélène”, de Jacques Jourquin.

    Il terzo e l’ultimo bibliotecario

    Era il Mameluke Ali, che si occuperà anche di Napoleone. La biblioteca nasce nel 1815, quando Napoleone chiese a Barbier di raccogliere per lui circa 2.000 volumi in attesa che il governo inglese gli concedesse un viaggio in America, cosa che non avvenne.

    Il vero nome del Mameluke Ali era Louis Étienne Saint-Denis, che ebbe un ruolo importante a Sant’Elena.

    Louis Étienne Saint-Denis nacque a Versailles nel 1788. Successivamente, nel 1806, entrò al servizio di Napoleone, divenendo lacchè nel 1811. Successivamente, lo accompagnò in esilio all’isola d’Elba e poi a Sant’Elena. Per il suo lavoro e l’apprezzamento che ebbe per lui, Napoleone lo citò nel suo testamento. Fu insignito della Legion d’Onore nel 1854. Infine, morì a Sens (Yonne) nel 1856. Le sue memorie furono pubblicate nel 1826 e il suo Journal du retour des cendres nel 1840.

    Per saperne di più:
    https://shannonselin.com/2013/12/louis-etienne-saint-denis-napoleons-french-mameluke/

    Louis Étienne Saint-Denis, conosciuto come il Mameluke Alí.

    Maggiori informazioni:
    https://blog.napoleon-cologne.fr/en/the-life-of-the-mamluk-ali-servent-of-napoleon/

     

    Copertina del libro “Mameluke Ali with napoleon from the Tuileries to St. Helena”. Author LouisÉtienne Saint-Denis. 1922.
    Copertina del libro “Mameluke Ali with Napoleon from the Tuileries to St. Helena”. Author LouisÉtienne Saint-Denis. Leonaur, 2014.

    Per complementare l’articolo:
    https://www.france-pittoresque.com/spip.php?article15743&fbclid=IwAR2_DQBFFXGnnp03Haao_Gr2Iq58CAnqdyq2OQBttkgZLemrG3iat9N-ZGw

    Oltre ad essere un grande lettore e romanziere, Napoleone fu anche un grande autore epistolare. Si conservano circa 40.500 lettere da lui scritte tra il 1784 e il 1821. Molti anni dopo, tali lettere furono curate dalla Fondazione Napoleone e pubblicate da Fayard con il titolo “Napoléon Bonaparte: correspondance générale”, in 15 volumi. Il primo nel 2002 e l’ultimo nel 2018.

    Napoléon Bonaparte: Correspondance générale. Publiée par la Fondation Napoléon. Tome premier: Les Apprentissages. 1784-1797.

    Infine, nel 1821, Napoleone morì. Inizialmente, fu sepolto nel luogo della sua morte, l’isola di Santa Elena. Successivamente i suoi resti mortali furono traslati a Les Invalides, a Parigi, dove le sue spoglie riposano ancora oggi.

     

    Tomba di Napoleone a Les Invalides, Parigi.

    Abbiamo così compiuto un viaggio attraverso la vita di Napoleone. Viaggio che ci ha consentito di verificare che fu, appunto, un bibliofilo nel senso di appassionarsi ai libri, per l’importanza, la presenza e l’innegabile influenza che essi ebbero sulla sua vita. I libri furono suoi fedeli amici e lo accompagnarono e lo formarono nella sua infanzia, giovinezza e vita adulta, durante i giorni di studio e le notti di lavoro, in tempo di guerra e di pace, in giorni di gloria e sconfitta, di rilievo storico ed esilio.

    Insomma, al di là delle considerazioni che si potrebbero fare su questo grande personaggio storico, il fatto che sia uno dei più potenti, conosciuti e studiati, è una indicazione certa di quanto siano importanti i libri nella formazione, nell’educazione e nell’apprendimento. Nel caso particolare di Napoleone, i libri hanno svolto indiscutibilmente un ruolo decisivo e trascendente.

     

     450 visitas en total,  3 visitas de hoy

    Volver arriba